First Class, recensione e unboxing

0

First Class è il nuovo gioco da tavolo di Helmut Ohley acclamato game designer di titoli di grande successo come Russian Railroads e la serie di ferroviari 18xx. Anche questo gioco è ambientato nel mondo dei treni, anzi forse del treno più famoso della storia: l’Orient Express.
First Class è un gioco per 1-4 giocatori della durata che si aggira attorno all’ora di gioco. La prima bella sorpresa l’abbiamo appena si apre la scatola. All’interno c’è un comodissimo contenitore in plastica adatto per tenere divise per tipologia le tante carte che formano il cuore del gioco. Per intenderci è molto simile al tipo di custodia interna che trovate in Dominion.

First Class si definisce già dal setup. Ogni partita, durano tutte sei turni, utilizza solo tre dei sei mazzi di carte disponibili. Un mazzo è il set base a cui si aggiungono di volta in volta due degli altri cinque restanti. Scegliere una coppia di mazzi piuttosto che un’altra cambia sensibilmente il gioco aumentando o diminuendo l’incidenza degli aspetti peculiari di First Class. La combinazione di mazzi scelta va a definire lo scenario che si giocherà.

I giocatori iniziano il gioco con due carte vagone 0 e quattro carte vagone postale identiche per tutti. C’è anche una carta obiettivo che si controllerà a fine stagione. Il gioco si svolge in tre fasi ognuna formata da due turni. Ogni fase ha un mazzo specifico formato dalle carte base e dalle carte dei due mazzi aggiuntivi scelti tutte relative a quella fase.

Ogni giocatore ha un piccolo board su cui svilupperà i suoi due treni e il suo percorso ferroviario. Il cuore del gioco è la parte centrale del tavolo dove si andranno a posizionare 18 carte, disposte su tre file, appartenenti al mazzo della fase che si sta giocando. Da notare che i mazzi non si esauriscono mai completamente e questo è un aspetto che aggiunge variabilità a First Class.

La scatola ideale per gestire le varie tipologie di carte

La scatola ideale per gestire le varie tipologie di carte

Le regole sono molto semplici ad ogni turno il giocatore prende una carta tra quelle disponibili ed esegue un’azione ad essa legata oppure decide di prendere la tessera primo giocatore. Quando in una riga di carte sono state pescate tante carte quanti sono i giocatori al tavolo la fila si elimina totalmente. Prendere la tessera primo giocatore dà due monete a chi l’ha selezionata, niente al secondo giocatore, un vagone 0 al terzo e un vagone 0 più la possibilità di un upgrade a vagone 1 al quarto giocatore. Le azioni disponibili sono di quattro tipi base e poi di cinque tipi aggiuntivi legate ai mazzi speciali selezionati.

Azioni base:

Acquisizione e upgrade dei vagoni. Si possono aggiungere nuovi vagoni ai nostri treni e migliorare i vagoni già esistenti. Un vagone ha un valore compreso tra 0 e 12.
Movimento controllori. Su ognuno dei nostri due treni ci sono dei controllori che si muovono sempre in avanti. Il livello che raggiungono determina punti vittoria, e bonus di vario genere. Se il controllore arriva alla fine del convoglio, dieci vagoni, ottiene un bonus in punti vittoria.
Movimento locomotiva. La nostra locomotiva, che viaggia lungo il percorso che costruiamo con le carte apposite, serve a sbloccare premi e punti vittoria.
Carte passeggero, tipicamente forniscono soldi. I soldi hanno una funzione particolare si vanno a posizionare in un ordine determinato sul board giocatore ed a seconda della location dove si trovano danno diritti a vari bonus e azioni speciali. I soldi servono anche ad acquistare gli obiettivi di fine partita.

Azioni dei mazzi speciali:

Nel mazzo A ci sono i contratti che sono i classici bonus da sbloccare con accumulo risorse o raggiungimento di obiettivi vari. Il mazzo B aggiunge le celebrità e le cartoline che servono ad aumentare i bonus dei vagoni e delle città rispettivamente. Il mazzo C va sul classico assassinio sull’Orient Express. I giocatori durante la partita raccolgono degli indizi sui potenziali assassini e alla fine se chi ha l’assassino riesce a farla franca agguanta un bel bonus di punti. Il mazzo D inserisce bagagli e passeggeri che aumentano bonus e punti dei vagoni raggiunti. Il mazzo E presenta una sorta di evoluzione dei contratti, vengono piazzati tra i due treni e generano punti in base al vagone che hanno sopra e a quello che hanno sotto.

Il turno chiaramente termina quando non ci sono più carte da pescare. Al termine dei turni 2, 4 e 6 si effettua un conteggio dei punti. I punti si fanno principalmente con i vagoni raggiunti dal controllore e con le location raggiunte dalla locomotiva. Al termine del sesto turno si danno punti vittoria anche per le monete e per gli obiettivi che sono legati al tipo di carte che abbiamo accumulato durante la nostra partita. Chi ha più punti vince.

Alcune carte di First Class

Alcune carte di First Class

First Class è un gioco molto interessante. Le regole, una volta comprese le varie icone, sono estremamente semplici, le meccaniche sono molto lineari con qualche variante sfiziosa. Il gioco è facile da spiegare e difficile da giocare bene, è molto più tattico che strategico. E’ adatto sia ai giocatori assidui che a quelli un po’ meno scafati. La longevità e la rigiocabilità sono ottime, la componentistica è nella media e la scalabilità è buona. Non c’è grossa incidenza della fortuna, anche se dipende dai mazzi scelti, e il gioco si può dire indipendente dalla lingua escluso il regolamento. Il prezzo è abbordabile quindi è un acquisto che ci può stare a meno che non siete alla ricerca del nuovo Russian Railroads visto che First Class è decisamente più light.

Se cercate giochi, per motivi diversi, più corposi potete dare un’occhiata a Lorenzo oppure a Le Case della Follia Seconda Edizione. Sulla pagina Facebook di Giochi e Giocatori trovate una photogallery dedicata a First Class. Buon Gioco e Buona Visione.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram

Share.

About Author

Leave A Reply